Bertolt Brecht  : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”







Non mi piace
pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..





“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in  superficie “





Pino Ciampolillo

domenica 17 ottobre 2010

'LA CITTÀ È UNA GOMORRA FEROCE'

PASOLINI CATANIA 'LA CITTÀ È UNA GOMORRA FEROCE'


All' inizio degli anni Settanta, Pasolini decise di lavorare alla realizzazione di un film liberamente ispirato a Le mille e una notte. Cominciò quindi a viaggiare per i paesi africani alla ricerca di giovani che potessero offrire, da attori non professionisti,i loro volti esotici e sanamente primitivi alla pellicola che lo scrittore voleva realizzare, alla sua particolarissima maniera, sulla scorta della famosa raccolta di fiabe. Girando per la l' Etiopia, l' Eritrea, lo Yemen, Pasolini notò come le culture arcaiche e tradizionali di quei paesi, specialmente nelle aree rurali, si stavano avviando pericolosamente al tramonto, e lasciando il posto a comportamenti e mentalità che, in ragione di una modernizzazione volta all' accrescimento del benessere economico e ispirata a modelli occidentali, sembravano rinnegare tout court il passato, sia nelle tracce materiali (architettoniche e urbanistiche) significative e belle sia nel retaggio di «abitudini considerate degradanti e vergognose». Una trasformazione molto simile, a giudizio di Pasolini «sta accadendo anche nel meridione italiano, specialmente in Sicilia», dove «l' acculturazione da parte del centro è ormai completa: la cultura marginale, particolaristica, è distrutta e non produce più modelli». Così, lo scrittore, giungendo nel ' 73 a Catania, anche qui alla ricerca di attori per il film e di luoghi per ambientarvi qualche scena, osserva una città «in frantumi». «Giovani impazziti, o ebeti o nevrotici - scrive Pasolini nel suo diario di lavoro, che appronta per documentare le fasi preparatorie all' uscita del film, e che pubblica in una sua prima parte nel ' 73 sulla rivista Playboy, col titolo Le mie "Mille e una notte" - vagano per le strade di Catania coi capelli irti o svolazzanti, le sagome deformate da calzoni che stanno bene solo agli americani: vagano con aria soddisfatta, provocatoria, come se fossero depositari d' un nuovo sapere. Sono, in realtà, paghi dell' imitazione perfetta del modello di un' altra cultura. Hanno perso la propria morale, e la loro arcaica ferocia si manifesta senza forma». E se la gioventù del luogo gli sembra in preda all' alienazione, conseguente alla perdita dell' identità, allo stesso modo, il cuore antico della città, gli appare privo della sua più autentica anima: è il caso, per esempio, del «quartiere delle Finanze, un tempo sfolgorante di luce e di bellezza fisica degli antichi corpi siciliani, che tace in un abbandono sinistro». «C' erano centinaia di puttane alle porte - ricorda Pasolini - come una casbah, tra quelle misere casette del Settecento o dell' Ottocento, e, insieme alle puttane, trionfanti, gli invertiti. Se ne stavano appoggiati coi sandali d' oro alle porte delle loro stamberghe, altezzosi, riservati, sdegnosi, e pronti a tutto. E i clienti venivano umilmentea trovarli;e se essi non possedevano una di quelle stamberghe, stracolme di luce- con la loro carta da parati pulita e la loro mobilia che ostentava un diverso e ben più raffinato tenore di vita rispetto a quello delle puttane - ecco chei clienti li facevano salire sul loro motorini, e alla fine, dopo l' amore consumato in un prato, sporco della sporcizia antica, li salutavano con una paterna stretta al sganascino. Ragazzini e già adulti, a causa della saggezza della povertà, oltre che della forza del loro sesso». Un mutamento antropologico arrivato a rilento sin nelle remote periferie siciliane ha traviato la sana cultura popolare, tollerante e rispettosa della socialità e delle diversità, inoculandole il virus dell' egoismo individualista e del perbenismo ipocrita, e con evidenza si vedono i suoi effetti, nota Pasolini. E a Catania «già alle dieci di notte c' è il coprifuoco; le strade, coi loro vecchi palazzi consunti e i nuovi palazzi sfolgoranti sulle strade secche d' immondizia di fango, sono percorse solo dalla polizia. Per prima cosa, la furia si è abbattuta sugli omosessuali. Del passato recente e rinnegato essi erano la forma più facile da distruggere. Sono stati bastonati, accoltellati, spogliati, uccisi, perseguitati, non se ne vede più uno in tutta la città. Quel piccolo mondo di Sodoma è stato distrutto da una Gomorra feroce ricalcata su Milano». Però, constata amaramente Pasolini, «il modello del centro - propagato dalla televisione - non è raggiungibile da un ragazzo siciliano che vede così aumentare il suo tratto di inferiorità», con la conseguenza di farlo precipitare ancor di più «nell' ignoranza e nella malattia sino all' ebetudine». Una Catania, quindi, quella che vide e descrisse nelle sue note Pasolini, nel ' 73, che l' omologazione, favorita dalla pervasiva diffusione della televisione e della pubblicità industriale che veicolova modelli consumistici, stava stravolgendo e mutando in negativo: e tanto più feroci erano le osservazioni di Pasolini su quelle che riteneva le tristi condizioni della Milano del sud quanto più frequentee vivace era stato il legame con la città jonica: tanti eventi e appuntamenti avevano condotto Pasolini a Catania: nel ' 68 da giurato al premio Brancati, aveva subito, assieme a Moravia e alla Maraini, dure contestazioni da parte della destra catanese, per la scelta di premiare il saggio di Michele Pantalone, Antimafia: un' occasione mancata; nel ' 69 aveva girato, nella valle dell' Etna, il primo episodio di Porcile, dovendo affrontare anche una denuncia da parte del pastore Giovanni Longo che lo accusò d' essere il responsabile della morte di cinquanta pecore del suo allevamento, a suo dire sbranati da alcuni cani che Pasolini aveva usato per una scena del film e che poi aveva imprudentemente abbandonato: i cani, infreddoliti e affamati s' erano introdotti nell' ovile del Longo e avevano sbranato le pecore. Ancora, a Catania, nel ' 70, lo scrittore aveva invano cercato di convincere il calciatore del Bologna, Giacomo Bulgarelli, per il quale nutriva una vera e propria adorazione (secondo Sergio Citti ogni volta che lo vedeva «sembrava che vedesse Gesù») a recitare neI racconti di Canterbury, film di cui intendeva girare le scene finali, quelli dell' Inferno, alle pendici dell' Etna: lo scrittore andò a trovare Bulgarelli in un albergo della città alla vigilia dell' incontro calcistico Catania - Bologna, parlò a lungo con lui ma non lo persuase a diventare attore.
- SILVESTRO LIVOLSI
 



Due ispettori dell'assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia, in mattinata hanno fatto VISITA all'Ufficio Tecnico Comunale di Isola delle Femmine




*UN Comune gestito dalla MAFIA
*Il boss milionario aveva il sussidio
*ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DELLA F.I.O.M.
*PASOLINI CATANIA 'LA CITTÀ È UNA GOMORRA FEROCE'
*RIFIUTI - IN SICILIA SI CAMBIA?
*ANNO ZERO si farà
*L'isola Ecologica a Isola? Un vero affare! Creare l'emergenza
*Ci Chiami "Zoccole"
*Ciao Sarah e un Ciao alle tante altre.............
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione
*A quando la differenziata? Bugiardoni! Bugiardoni! Bugiardoni! Incapaci! Incapaci.......
*Rifiuti, la Regione taglia fondi a 159 sindaci
*Le mani della Mafia sui rifiuti Siciliani
*Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia
*I Guai giudiziari di Emma Mercegaglia
*L’altro stipendio di Maroni
*Caso Belpietro. «L’agguato, gli spari, la fuga
*Convocazione Consiglio Comunale 7 ottobre Interrogazioni e Riequilibri Bilanci
*Interrogazione al Sindaco DIONISI geom Vincenzo: Conflitto di Interessi Privacy e U.T.C.
*Interrogazione al Sindaco Autolavaggio CAR WASH D.M.
*ORDINANZA DELL'UTC: Ripristino dello stato dei luoghi a carico di: Lo Bello Silvana e Rallo Alessandro
*Sindaco-Pescatore, dimmi dimmi mio Signor, dimmi che tornerà
*Rifiuti:occhio alla spazzatura, parte differenziata doc
*La ricchezza o la povertà la misuri dai rifiuti prodotti
*Rapporto sulle tecniche di trattamento dei rifiuti
*RACCOLTA DIFFERENZIATA E RICICLO
*Ordinanza Sindacale affidamento Raccolta Rifiuti ditta AL.TA. s.r.l. Zuccarello SICAR
*Comunicato ENAV su Installazione Antenna a Isola delle Femmine
*ISOLA DELLE FEMMINE: Non ci resta che piangere
*ANTENNA RADAR DICHIARAZIONE DEL GRUPPO “RINASCITA ISOLANA”
*IL Comitato NO radar a Isola delle Femmine chiede la convocazione URGENTE del CC
*EX Caserma NATO di Isola delle Femmine in vendita?
*EX Caserma NATO il COMUNE che fà?
*Isola delle Femmine Radr meteo o acquario marino?   
*ISOLA DELLE FEMMINE TRA STORIA E TRADIZIONE
*Federalismo fiscale
*I Beni Comuni nello spezzatino del Federalismo  
*SERIT SICILIA S.P.A. profili di illegittimità nella riscossione dei tributi
*COMUNI FISCO PARTECIPAZIONE ACCERTAMENTI RISORSE ECONOMICHE
*Con due cuori dentro È nata la bimba della donna in coma
*“In questa terra c’è bisogno di coraggio”  Manifestazione Reggio Calabria 25 sett. 2010
*Italcementi Decreto 693 18 luglio 2008 Autorizzazione Integrata Ambientale
*BENVENUTI IN PARADISO 24 SETTEMBRE 2010 "La passeggiata"
*NO ALL'ANTENNA KILLER A ISOLA DELLE FEMMINE Sicurezza Prevenzione Precauzione
*NO ALL'ANTENNA A ISOLA Incidente Aereo all'aeroporto Falcone/Borsellino
*Onorevole Signor Presidente della Repubblica
*Condannato per diffamazione il dirigente regionale Salvatore Anzà
*La patacca dei Caraibi: ora chi risponde?
*BENVENUTI IN PARADISO oggi domani ieri e……
*Formato il quarto governo LOMBARDO in Sicilia
*SENTENZA Malibu Beach s.n.c. nel RICORSO al TAR contro il Comune di Isola delle Femmine
*ASSOLTO ALBERT GIOVANNI DAL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
*Aiello Rubino Romeo Via Falcone Via Sciascia Viale Italia Via Kennedy Via Sciascia Via Libertà
*Il Cimitero di Isola delle Femmine
*Portobello: “mi metterò di traverso non farò costruire sull’area del comparto 1…”
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione
*Rifiuti Regione Comuni Raccolta differenziata Circ 16/09

Nessun commento:

Posta un commento