Bertolt Brecht  : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”







Non mi piace
pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..





“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in  superficie “





Pino Ciampolillo

venerdì 27 agosto 2010

La pillola biologica: un metodo contraccettivo naturale ed efficace

La pillola biologica: un metodo contraccettivo naturale ed efficace



Intepretando le esigenze ed i bisogni di molte donne, che nell’uso dei metodi contraccettivi, si dimostrano sempre più consapevoli ed attente nelle scelte, una soluzione che sta avendo, da un anno a questa parte, successo crescente riguarda l’utilizzo della pillola contraccettiva biologica.
Passi in avanti enormi sono stati compiuti nel campo della ricerca farmaceutica rispetto a 50 anni fa, anni dei primi utilizzi di forme contraccettive orali.

Da dosaggi ormonali elevati ed effetti indesiderati numerosi, che caratterizzavano le prime pillole immesse sul mercato, si è arrivati a dosaggi minimi e a vantaggi nel suo utilizzo, che superano di gran lunga i rari e per lo più transitori effetti indesiderati.
Per questo motivo sempre più donne e ragazze scelgono come forma di contraccezione, l’utilizzo della pillola, che oltre a mettere al riparo da eventuali gravidanze indesiderate, risulta efficace nel trattamento di diversi disturbi e patologie, come ad esempio, le forme di acne ed impurità della pelle, il ciclo irregolare ed accompagnato da dolori e fastidi, la cura delle cisti all’ovaio.

Le vecchie credenze, che ne sconsigliavano l’uso, additandola come responsabile dell’aumento del peso e comparsa della cellulite, di una maggior predisposizione ai tumori dell’utero e delle ovaie e di un aumento della sterilità femminile, sembrano ormai superate.
Oggi è possibile scegliere tra un numero assai vasto di prodotti, in base alle proprie esigenze specifiche, supportate dall’esperienza e dai consigli del proprio ginecologo.

E una scelta che sta riscuotendo grande approvazione da parte delle donne, riguarda l’utilizzo della pillola biologica. Messa sul mercato in Italia da meno di un anno, vede crescere la richiesta costante del pubblico femminile, desideroso da tempo di un prodotto “meno invasivo”, naturale ed affine ai ritmi biologici femminili.

Il nuovo anticoncezionale bio si chiama Klaira ed il suo punto di forza consiste nell’utilizzare un ormone femminile, l’estradiolo, contenuto anche nelle pillole convenzionali, ma che, a differenza di queste, è totalmente analogo all’ormone naturale rilasciato normalmente dall’organismo femminile e non è più, dunque, un derivato sintetico, qualcosa di “artificiale”, rispetto al nostro corpo.

Tutte quelle donne normalmente restie ad immettere qualcosa di chimico nel proprio corpo, ma anche coloro che vogliono un prodotto contraccetivo più naturale ed in linea con l’equilibrio del proprio corpo, rimarranno senz’altro soddisfatte dalla qualità e dalle proprietà benefiche offerte dalla nuova pillola.

Quali sono le sue dosi e somministrazioni? Ogni pillola contiene un dosaggio diverso, a seconda dei vari momenti del ciclo ovulatorio, di estradiolo valerato, l’ormone analogo a quello prodotto nel nostro organismo e di dienogest, un progestinico utilizzato per curare disturbi dell’endometrio, che consente di controllare il ciclo ed assicura l’efficacia contraccettiva.
Per ogni confezione troviamo 28 compresse, 26 contenenti i due ormoni e 2 pillole “bianche”, che servono semplicemente per mantenere invariata la regolarità dell’assunzione ed impedire dimenticanze.

Il suo utilizzo assicura, nelle donne che l’hanno sperimentata, una maggiore tollerabilità rispetto ad altri contraccettivi, anche quelli di ultima generazione ed, in particolare, una sensibile riduzione dei fastidi più tipici, come nausea, irritabilità, mal di testa, pesantezza nelle gambe. Gli effetti positivi si riscontrano, inoltre, anche a livello psicologico, poichè le donne avvertono il nuovo contraccettivo come qualcosa di affine alla propria natura e superano la diffidenza del dover introdurre qualcosa di “estraneo” al proprio corpo.

Ma sono molti i vantaggi fisiologici che tale pillola è in grado di regalarci: assicura una maggiore stabilità ormonale, senza sbalzi eccessivi, poichè prevede solo 2 giorni senza ormoni, anzichè i 7 delle altre pillole; garantisce flussi più leggeri e di minor durata ed elimina tutti i problemi di intolleranza e difficoltà di assimilazione, perchè l’ormone è del tutto affine a quello presente nel nostro corpo e, dunque, viene naturalmente riconosciuto ed accettato.
Alla luce di questi dati assai incoraggianti, chi fa uso di un contraccetivo ormonale, ma anche coloro che si accostano per la prima volta al suo utilizzo, potranno sperimentare personalmente le novità della pillola biologica, non dimenticando, però, di parlarne sempre con il proprio ginecologo, che valuterà al meglio la scelta che fa al caso nostro.


Nessun commento:

Posta un commento